The Weak Ends

THE WEAK ENDS

Concrete Rec. / Flexible

Sentire un live dei The weak ends è cosa rara, bisogna meritarlo.
Tutto inizia in una cascina toscana in una fredda mattina di novembre di qualche anno fa, tre menti "malate" incominciano a smanettare per il piacere dei pochi presenti.
Il loro primo live dura 8 ore, improvvisano, sudano e le pareti iniziano a tremare; quello che accadde dopo rimane tra quelle 4 mura. Phooka, Martino e Criss nel corso degli anni diventano chi più chi meno dei nomi conosciuti nella scena clubbing italiana ed internazionale.
Sotto il moniker The weak ends (il nome è rubato ad una vignetta di Robert Crumb), nonostante l'attitudine li porti ad un continuo scambio di ruoli, nel caos generale: Phooka riesce a creare bassi e pads dalla violenza sanguinante,
Martino aka Mass Prod stratifica samples sul suo mpc ed oscillatori sul suo synth vettoriale, mentre a Criss rimane il compito di colorare e intrecciare intricati algoritmi, uscendo possibilmente (o sempre) fuori dai margini, e in 5 dimensioni.